CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza i cookies per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Utilizzando il nostro sito web acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

 

Antica pratica di massaggio presente nell’area giapponese, praticata esclusivamente dai non vedenti, chiamati con il nome di “Kengyo”.

Etimologicamente il termine Kem vuol dire sradicare, facendo riferimento a far affiorare, a livello energetico, tutto ciò che nel tempo si è fissato nei tessuti, arrecando danno; mentre bi indica la materia sottile che permette ad ogni cosa di poter vivere, e Ki si riferisce all’energia vitale primaria che alimenta ogni parte del corpo. Ecco perchè il Kembiki, indica un processo globale, ed olistico.

I Kengyo

I Kengyo a causa della loro cecità sviluppano particolare sensibilità alle mani, in particolare ai polpastrelli delle dita, tanto da percepire tramite la palpazione la presenza di minimi squilibri a carico dell’apparato mioarticolare.

Nell’antichità questi massaggiatori praticavano delle tecniche mentali il cui obiettivo era quello di sviluppare “l’occhio della mente”, tramite il quale si ponevano in contatto energetico con il massaggiato.

La pratica

Con il Kembiki, il massaggiatore interviene su tutte le parti che compongono l’individuo, sino a coinvolgere le singole cellule; queste vengono richiamate a ripristinare la dovuta energia animatrice, coinvolgendo successivamente i tessuti, gli organi, e gli apparati, sino all’individuo completo.

Ecco perchè nel Kembiki si intende “sradicare” ciò che ha messo profonde radici nella persona, riferendosi a ciò che è vecchio, pesante e atrofizzato. Il corpo viene così liberato dai blocchi energetici che non permettono il libero fluire dell’energia vitale.

L’azione si basa su pratiche che raggiungono in profondità i tessuti, e tra le più diffuse ricordiamo:

  • la trazione che raggiunge il derma, quale strato più profondo della pelle;
  • lo svuotamento che interviene dalla parte più interna del corpo, quale le ossa verso la cute;
  • e la mobilizzazione che consiste in una particolare manovra a “S” che di norma viene praticata nella parte finale della seduta, con il compito di allontanare le tensioni e richiamare l’energia vitale.

Indicazioni

Il massaggio Kembiki rilassa tutto il corpo, riattiva la circolazione sanguigna e linfatica, stimola il metabolismo cellulare, detossica l’organismo grazie all’azione della pressione delle mani esercitata sui tessuti profondi, infine stimola l’energia vitale.

Ogni seduta dura circa un’ora e il trattamento si articola in dieci sedute con cadenza di due volte alla settimana, e successivamente di due al mese quale mantenimento.

RIMANDI :

  • AROMAMASSAGGIO
  • MASSAGGIO SONORO
  • MICROMASSAGGIO CINESE
  • MASSAGGIO THAILANDESE
  • MASSAGGIO RITMICO
  • MASSAGGIO MIOFASCIALE
  • MASSAGGIO METAMORFICO
  • MASSAGGIO IDROSONICO
  • MASSAGGIO HARA
  • MASSAGGIO CON LE SFERE
  • MASSAGGIO BREUSS
  • MASSAGGIO KEMBIKI
  • LINFODRENAGGIO MANUALE
  • REFLESSOLOGIA DEL PIEDE
  • MASSAGGIO TUI-NA

 

tratto da “Enciclopedia delle Discipline Bio-naturali”,
Valerio Sanfo, ed A.E.ME.TRA.

Contattaci

A.E.ME.TRA. 
UNIVERSITÀ POPOLARE

Via Cernaia 25 interno cortile - 10121 Torino 

Telefono: +39 011.4375669

Celulare: +39 339.6501448
Fax: +39 011.19835580
E-mail: info@aemetra.it

Compila il modulo richiesta informazioni

Vieni a trovarci


View Larger Map