CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza i cookies per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Utilizzando il nostro sito web acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

 

(Yoga della identificazione)

Le tecniche usate nella pratica di Kundalini yoga si basano sulle posture (asana), sulla respirazione (pranayama), sulle contrazioni muscolari (bandha) e sulla concentrazione.
Kundalini viene rappresentata come un serpente dormiente che, arrotolato su un uovo, il lingam, occlude con la testa l’apertura posta alla base della nadi centrale Sushumna.

"Fin tanto che Kundalini non si risveglia e si snoda verso l’alto, le energie in Sushumna non potranno scorrere". (Vivekananda, 1950).
La posizione del serpente attorcigliato alla base della colonna vertebrale (Sushumna) sta ad indicare l’inattività del grande suono, che privo di orientamento, non può incanalare l’energia che invece dovrebbe raggiungere il centro della fronte, dove risiede il chakra Ajna, e poi successivamente la sommità del capo, dove si trova l’apertura di Brahma.
Kundalini risvegliata e sposa del maschile (Shiva) rappresenta l’androginia primordiale, la biounità che solo nella sua integrazione, può offrire la completezza, l’unione estatica (samadhi).
Prendere coscienza della configurazione maschile- femminile quale bipolarismo inscindibile e motore di ogni aspetto vitale, vuol indicare lo scoprire intimamente anche la presenza dell’opposto: ogni maschio trova in sè l’aspetto femminile e viceversa, ecco cosa si intende per risveglio.
Solo dopo questo atto di consapevolezza l’energia antica può salire verso l’alto e portare l’individuo nel piano della comprensione totale o beatitudine celestiale (ananda) dove avviene l’unione con il Signore Shiva. (Sivananda, 1992).

L’energia antica, o potenza ignea, o suono primordiale, o Madre antica, o Madre del mondo, o dea Kundalini Shakti1, fa vibrare ogni forma che incontra sul suo cammino e l’intera sonorità ormai sgorgante dalla giusta fonte, il centro base o centro radicale, sviluppa il linguaggio trascendentale.
Quando viene risvegliata ma non compresa, viene riconosciuta come propriamente individuale e quindi non facente parte della natura macrocosmica, del tutto.
Questo è il grande pericolo in cui si incorre nel risveglio dell’energia Kundalini.

 

Kundalini è l’energia, l’anima che non sa di essere, e Shiva è l’anima che ha preso coscienza dello spirito. La madre che si unisce con il padre, ovvero l’anima che si spiritualizza, che si eleva di grado, dalla Terra al Cielo.

La Shakti, energia originaria, manifestazione, viene quindi simbolicamente riferita alla donna, al femminile, allo yin dei cinesi.

La Shakti risiede al fondo della colonna vertebrale, in Muladhara, e Kundalini ne è la rappresentazione energetica.

Kundalini si può risvegliare o con le tecniche yogiche sessuali del tantra yoga, oppure con la pratica della meditazione chiamata anche dello yoga Kundalini.

Si può impropriamente dire che il culto della dea Shakti permette il risveglio della sua energia chiamata con il nome di Kundalini.

Kundalini rappresenta l’energia della vita, il metabolismo delle forze vitali che nel simbolismo del serpente indicano la potenza suprema che vivifica la materia.

Kundalini imprime a tutto ciò che è fisico le vibrazioni di base (dall’atomo agli universi). Nel corpo umano essa viene diffusa in tutte le cellule tramite la colonna vertebrale.

Il corpo è solo lo strumento della realizzazione del Karma (destino).

La mente e lo spirito sono indipendenti dal corpo materiale, anche se lo nutrono e lo governano. I disordini mentali si ripercuotono sul corpo fisico, che necessita, per vivere in salute e vivere a lungo, del mantenimento del giusto equilibrio.

La pratica dello yoga rinvigorisce il corpo, che diviene, così, lo strumento per la realizzazione e la verifica dei progressi che vengono compiuti.

L’erotismo, quando è praticato senza passioni, può divenire un potente e veloce mezzo per la realizzazione spirituale, anzi è un ottimo riequilibratore degli squilibri, sia in difetto che in eccesso.

La pratica del tantra-yoga, permette di accelerare il processo evolutivo.

Al corpo fisico viene assegnato il ruolo di momentaneo mezzo, ma comunque è pur sempre un limite, una specie di prigione, della quale bisogna liberarsi

Tale prigione incatena anche i sensi che fuori dal corpo si presentano più acuiti e potenziati.

Con lo yoga e la meditazione il mondo oscuro delle frustrazioni umane viene trasceso, e la liberazione totalmente concessa.

Nel tantrismo, il corpo umano diventa il laboratorio nel quale si raggiungono stadi di coscienza via via superiori, e l’atto sessuale ne diviene una rappresentazione mistica dove il maschile e il femminile incontrandosi trasmettono le proprie caratteristiche, in una completezza esemplare da imitare anche quando il rientro nella singola unicità dimezzata si ripresenta.

Kundalini, l’energia della Shakti, è nascosta nella cripta del mondo delle illusioni (Maya): essa deve liberarsene e incontrare lo spirito rappresentato da Shiva.

L’antico dualismo viene superato e l’integrazione completa degli opposti si trasfigura nella grande Unità cosmica.

Kundalini dalla zona caudale deve salire e unirsi con quella craniale.


Rappresentazione di Kundalini che si palesa in cobra

Risalendo verso l’alto Kundalini recupera la frammentarietà delle rappresentazioni che via via nei chakras quali centri di coscienza incontra, e così le energie non risultano più isolate. (Sivananda, 1992).
Le diverse energie si riorganizzano e recuperano la loro caratteristica unitaria grazie all’unione che Kundalini ricostruisce incontrando Shiva, la divinità maschile posta alla sommità del capo. Una nuova luce si accende e in questa l’adepto riconosce la fonte originaria dalla quale tutto scaturì e nella quale si ritrova congiunto: egli si apre verso la coscienza cosmica.
Fin quando si snoderà nel suo movimento spiraloide, e non avrà incontrato alla sommità del capo, nel chakra coronale (sahasrara) l’elemento spirituale, ella sarà incompleta. Forte, energica, prorompente ma non ancora vitalizzata dal soffio divino.
Solo successivamente il calore di Kundalini potrà bruciare il karma, e liberare dal ritorno nel corpo materiale (dal Samsara).
La durezza e lo spessore del guscio che racchiude il serpente vogliono indicare, allegoricamente, il piacere dei sensi, il godimento della materia e l’allontanamento della presa di coscienza della presenza di valori spirituali.
“La coscienza limitata, trascendendo gli effimeri concetti della vita mondana, intuisce direttamente la Realtà immutabile che sottostà all’intero flusso fenomenico. Quando Kundalini Shakti dorme nel Muladhara, l’uomo è desto al mondo; quando Lei si sveglia per unirsi, e si unisce, con la suprema Coscienza statica che è Shiva, allora la coscienza è addormentata per il mondo ed è una con la Luce di tutte le cose.” (ibidem)
Il guscio che la imprigiona è la maya, l’illusione della materia.
Il chakra Muladhara è strettamente legato al secondo chakra che è Swadhisthana, tanto che sovente i due vengono confusi.
Ecco che Shakti Kundalini è in stretta relazione con il chakra Sahasrara, posto alla cima della colonna vertebrale, anzi Kundalini risiedeva proprio in questo centro di coscienza e solo successivamente cadde in basso per rimanere prigioniera in Muladhara.
Il risveglio di Kundalini riporta la Shakti nella posizione originaria, staccandola dal mondo animale, attuando il passaggio dalla coscienza all’autocoscienza.

PREGHIERA A MADRE KUNDALINI

Svegliati Madre Kundalini.
Tu che per natura sei Beatitudine Eterna - Beatitudine di Brahman.
O Tu che sei addormentata come un serpente nel loto del Muladhara, io sono addolorato, afflitto e angosciato nel corpo e nella mente,
Benedicimi e lascia la tua dimora nel loto che sta alla base.
O Sposa di Shiva, Signore e Causa dell’universo, prendi il corso ascendente attraverso il canale centrale
Lasciandoti dietro Svadhishthana, Manipura, Anahata, Vishuddha e Ajna.
Unisciti a Shiva, tuo Dio e Signore,
Nel Sahasrara – il loto dai mille petali, nel cervello.
Quivi gioca liberamente, o Madre, dispensatrice di Beatitudine Suprema.
Madre, che sei Esistenza, Conoscenza e Beatitudine Assoluta.
Svegliati, Madre Kundalini! Svegliati.
(Sivananda, 1992, p.6)

1 In ogni uomo è presente la potenza cosmogonica, che i Tantra simboleggiano con il cosiddetto ‘Triangolo del desiderio’ (la Kama-kala): egli la porta in sè rappresa come kundalini-sakti, alla base del suo essere psico-fisico, finchè non decide di risvegliarla, liberandosi dalla prigionia nel samsara, l’infinito giro delle nascite-dolore-e-morte di cui è sostanziata la vita umana sulla terra. (Filippiani-Ronconi, 1994, p.76)

 

tratto da “Enciclopedia delle Discipline Bio-naturali”,
Valerio Sanfo, ed A.E.ME.TRA.

Contattaci

A.E.ME.TRA. 
UNIVERSITÀ POPOLARE

Via Cernaia 25 interno cortile - 10121 Torino 

Telefono: +39 011.4375669

Celulare: +39 339.6501448
Fax: +39 011.19835580
E-mail: info@aemetra.it

Compila il modulo richiesta informazioni

Vieni a trovarci


View Larger Map