Oltre alle più comunemente conosciute arti marziali del Kung-Fu e del Tai Chi, il Sistema del Tao Curativo comprende: esercizi per la salute, arti curative, lo sviluppo della consapevolezza e la gestione dell'energia vitale (Chi).

Lo scopo, che il Sistema del Tao Curativo si prefigge, è quello di mantenere il fisico in buone condizioni al fine di produrre e conservare, secondo un piano fisico, una quantità maggiore di Chi da usarsi poi a livelli superiori secondo un progetto spirituale.

La respirazione è molto importante per continuare a vivere. Infatti se possiamo stare senza mangiare per mesi interi, oppure senza bere per alcuni giorni, non possiamo fare a meno dell'aria anche per soli pochi minuti. Nella pratica del Tao Yoga sfruttiamo il respiro umano al massimo. Possiamo effettivamente aumentare la nostra energia vitale, aumentando la pressione del Chi negli organi e nelle cavità del corpo.

La respirazione umida

Secondo le origini, i Taoisti credono che, mentre siamo ancora nell'utero materno, sfruttiamo una "respirazione umida". Prima di venire alla luce, il bambino non usa i polmoni ed il naso per respirare. Il Chi (forza vitale) entra attraverso il cordone ombelicale nell’ombelico, va verso il perineo, l'osso sacro, la spina dorsale, la testa, la fronte e lungo la parte frontale della lingua (i Taoisti credono che il feto tenga sempre la lingua poggiata sul palato), alla gola, al cuore, nell'addome ed al centro ombelicale nella zona addominale dove la pressione del Chi viene usata.

Riconoscete questo percorso come il sentiero dell'Orbita Microcosmica.

Respirazione e pressione Chi

Alla nascita, iniziamo ad usare i polmoni per la respirazione e generiamo la nostra energia anziché usare la fonte interiore, anche se i nostri polmoni non sono sufficientemente forti, pur usando ancora l'energia della pressione Chi. Con l'età, si può constatare una diminuzione degli effetti di tale pressione; nelle persone anziane, la forza vitale prenatale (Chi) viene dispersa attraverso l'ombelico e la zona renale. Gradualmente, la pressione Chi va perduta, creando uno squilibrio energetico: quando la pressione è bassa, il flusso del fluido nell'intero sistema rallenta.

Ne consegue a volte che l'energia si surriscaldi, si sposti verso l'alto e congestioni il torace e la testa; l'energia fredda scenda in basso e attraverso gli organi sessuali fuoriesca.

Lentamente perdiamo la pressione Chi e, con essa, l'abitudine della respirazione addominale, tanto che i polmoni saranno i soli a dover compiere la respirazione toracica che, tra l'altro, è insufficiente. Richiede maggiore energia per espandere la gabbia toracica, azione che riempie soltanto la terza parte superiore dei polmoni.

Quando la pressione Chi subisce delle riduzioni a causa di debolezza o di malattia, gli organi, a loro volta, subiscono delle limitazioni e vengono compressi dalla pressione esterna. Molti, quando vengono colpiti allo stomaco, cadono oppure, se sono così sfortunati da incassare il colpo negli organi vitali, vengono seriamente feriti. Quando gli organi vitali sono danneggiati, la vita stessa viene messa in pericolo.

Vantaggi della respirazione addominale

Con la pratica per l'innalzamento delle barriere protettive, riducete di molto i rischi di danni incalcolabili e, in molti casi, potreste salvarvi la vita.

Quando le fasce sono colme di Chi (energia vitale), i tendini vengono rinforzati e le ossa si tengono insieme come un'unica struttura.

Quando le fasce sono deboli anche i muscoli si indeboliscono e la struttura ossea non rimarrà più unita.

Allo stesso modo, se i muscoli sono deboli, sia i tendini che le fasce sono deboli.

Come abbiamo già detto, dobbiamo imparare nuovamente ad usare, per la respirazione e per incrementare la circolazione, l'area addominale. Essa ammonta ai due terzi della riserva del corpo che scorre attraverso il fegato, i reni, lo stomaco e la milza.

Una volta appreso il modo per contrarlo e rilassarlo, l'addome si comporterà come il cuore più efficiente che si possa avere. Verranno espulsi con questo procedimento tutte le tossine e i sedimenti che si sono accumulati negli organi. Il diaframma si abbasserà per creare un vuoto nella parte inferiore dei polmoni, riempiendone dapprima i lobi, per poi estendersi a tutto l'organo.

Per prevenire la perdita energetica basta pensare che i Taoisti credono che il Chi possa essere trasformato in qualsiasi cosa nel corpo e, sicuramente, l'energia che noi incanaliamo ha un effetto generativo.

Dato che l'energia viene dispersa e sciupata nelle persone anziane, fuoriuscendo giornalmente attraverso le varie aperture del corpo, la pratica insegna come chiudere queste aperture.

Si apprende un procedimento per dirigere questa energia conservata nella regione ombelicale, dove può essere stipata e condensata in una palla energetica che può venir così guidata verso qualsiasi parte del corpo oppure per formare un'energia che elevi lo spirito ad un livello superiore.

 Per quanto riguarda la respirazione addominale ricordatevi sempre di non usare la forza. Rilasciate il torace così che lo sterno e il diaframma spingano verso il basso. Quando raccogliete l'energia siate rilassati all'interno e non tesi, almeno per un bel po’ di tempo. Si dice che l'energia "morbida" sia illimitata.

 

tratto da “Enciclopedia delle Discipline Bio-naturali”,
Valerio Sanfo, ed A.E.ME.TRA.

Contattaci

A.E.ME.TRA. 
UNIVERSITÀ POPOLARE

Via Cernaia 25 interno cortile - 10121 Torino 

Telefono: +39 011.4375669

Celulare: +39 339.6501448
Fax: +39 011.19835580
E-mail: info@aemetra.it

Compila il modulo richiesta informazioni

Vieni a trovarci


View Larger Map